Dynamic Variation:
Offers
x

There was not an exact match for the language you toggled to. You have been redirected to the nearest matching page within this section.

Choose Language
Toggling to another language will take you to the matching page or nearest matching page within that selection.
Search & Book Sponsored Links
Search
or search all of Norway
A woman smelling apple blossoms in Hardanger, Norway in the spring
Fruit blossoming in Hardanger.
Photo: CH / Visitnorway.com
Campaign
Course
Event
Partner
Media
Meetings
Travel Trade

La luce. I profumi. Tutto torna alla vita. In primavera la Norvegia si risveglia dal suo sonno invernale ed ecco alcuni modi per scoprirla al meglio.

  1. 1. “Utepils”, una birra all’aperto in città

    Non appena si annunciano i primi segni della primavera – quando le temperature salgono sopra lo zero e il sole comincia a dare un po’ di calore – i norvegesi escono subito di casa per approfittare al massimo della nuova stagione. I marciapiedi iniziano a brulicare di vita perché la gente fa di tutto per gustarsi la prima “utepils” dell’anno, cioè bersi una birra all’aperto. Non importa se la temperatura non è proprio tropicale. Se fuori c’è il sole, usciamo anche noi - magari però seduti su pelli di pecora e con una coperta sulle gambe.

    Il nostro consiglio: tutto sta nell’assicurarsi un tavolo al sole, meglio se sul lungomare. A Oslo puoi provare nella zona trendy per la ristorazione a Vippa, ad Aker Brygge, o ai moderni moli di Tjuvholmen e Sørenga. A Bergen è al porto di Bryggen che accade la magia primaverile, mentre a Stavanger punta al primo tavolo libero nella zona del porto di Vågen. E al nord, nell’Artico, il sole brilla per quasi tutta la notte in locali molto popolari come Vertshuset Skarven e Restaurant Skirri a Tromsø.

  2. 2. I fiordi in piena fioritura

    Questa è davvero un’esperienza unica. Nella zona sudoccidentale della Norvegia, a maggio per un paio di settimane (il periodo esatto varia di anno in anno), decine di migliaia di alberi da frutto in riva ai fiordi sono in piena fioritura. Maestose cime innevate fanno da cornice a questo spettacolo, le stesse montagne che danno protezione a queste poche zone di terreno fertile. Soprattutto grazie all’aiuto del riflesso del sole sulle acque dei fiordi, si crea un microclima particolare che rende i pendii e i piccoli villaggi perfetti per la coltivazione della frutta, specialmente mele e ciliegie.

    Il nostro consiglio: il posto più famoso per vedere questo fenomeno è la regione di Hardanger dove puoi visitare una serie di paesini idilliaci come Lofthus, Kinsarvik e Ulvik. La regione del Sognefjord è un’altra scelta eccellente. E non pensare neanche di ripartire prima di aver assaggiato il risultato della fioritura dell’anno precedente – gustoso Eplemost (puro succo di mela) e sidro dei produttori locali.

  3. 3. Le cascate al massimo della loro potenza

    Vieni a vedere come le imponenti cascate norvegesi riprendono vigore in primavera. Maggio e giugno sono assolutamente il periodo migliore per vederle tornare in vita, quando il ghiaccio e la neve si sciolgono e gonfiano le masse d’acqua che precipitano giù dalle montagne. La Norvegia ha un lungo elenco di cascate che vale la pena visitare.

    Il nostro consiglio: Vøringsfossen, vicino ad Eidfjord nell’Hardanger, è una delle cascate più spettacolari della Norvegia. Dalla nuova straordinaria piattaforma panoramica (un must per gli appassionati di architettura) hai una vista mozzafiato dell’acqua spumeggiante e del profondo canyon.

  4. 4. Gli uccelli nella stagione più animata

    La primavera per gli uccelli è come prendere steroidi! La lunga costa della Norvegia ferve di vita in questo periodo dell’anno e gli uccelli migratori che erano partiti in autunno sono tornati per nidificare e godersi la stagione più calda. Porta binocolo e macchina fotografica, magari anche un registratore, perché è un’esperienza per gli occhi come per le orecchie. Fa’ solo attenzione a comportarti con rispetto verso i nidi e le covate appena schiuse.

    Il nostro consiglio: Varanger, nel nord, è diventata una delle destinazioni più importanti al mondo per l’osservazione degli uccelli artici. Lo studio locale di architettura Biotope è stato premiato per il progetto di capanni fotografici per le migliaia di bird watcher che vengono in questa zona ad osservare specie come aquila coda bianca, girifalco, edredone di Steller e anatidi artici. Gli appassionati di uccelli si recano anche sulle isolette di RundeLovund and Røst a partire da circa metà aprile, quando migliaia di pulcinella di mare fanno ritorno alle loro zone di riproduzione.

  5. 5. Mercati contadini e festival culinari

    A partire da marzo aprono i primi mercati contadini, che puoi trovare un po’ in tutta la Norvegia. Ti verrà l’acquolina in bocca dando un’occhiata in giro tra tutte le cose buone e fresche, sempre prodotte dai contadini locali. Anche i festival culinari sono assolutamente da non perdere e, insieme ai mercati, costituiscono un elemento trendy per la cultura gastronomica in Norvegia.

    Il nostro consiglio: è facile trovare i mercati contadini in gran parte del paese. Tra i migliori festival culinari a cui puoi partecipare in primavera, prima che parta la stagione dei festival in estate, ci sono Spis & Drikk-festivalen a Oslo, e Oslo Vegetarian Festival.

  6. 6. Svegliati sulla cima di un albero

    Una delle cose più belle della primavera è osservare come la natura si liberi del suo manto invernale e diventi fresca e verde. Per non parlare del piacere per le giornate più lunghe e tiepide, unito al felice cinguettio degli uccelli. Quale posto migliore per abbracciare con lo sguardo il cambio di stagione che dalla cima di un albero? O meglio, da una casa sull’albero con tutte le comodità e un accogliente arredamento scandinavo.

    Il nostro consiglio: gli appassionati di architettura dovrebbero provare qualcuna delle casette sugli alberi dal design unico e stiloso. Ecco un’altra ragione per venire in Norvegia!

  7. 7. Fai immersione in acque cristalline

    Se ti piace fare immersioni programma la tua avventura subacquea per inizio primavera. In questo periodo dell’anno non solo l’acqua inizia a riscaldarsi, ma mantiene la visibilità e limpidezza caratteristiche dell’inverno. A stagione più avanzata il mare diventa torbido, quindi ti serve la torcia per vedere. D’altra parte però la luce della torcia aiuterà ad attirare tante creature marine. (Ma non preoccuparti – non c’è niente nelle acque norvegesi che voglia mangiarti.) Scopri di più sulle immersioni in Norvegia.

    Il nostro consiglio: Hattan nella Norvegia dei fiordi pullula di vita sottomarina, e Saltstraumen vicino a Bodø si distingue come il posto dove vivere l’esperienza esaltante delle correnti. Oppure vuoi sentirti come un vero esploratore e fare immersione tra i relitti a Narvik?

  8. 8. La prima nuotata dell’anno

    Sei un vero Vichingo? Dimostralo facendo almeno un paio di coraggiose bracciate nelle fredde acque primaverili. Tanto prima tanto meglio, ma per il Vichingo medio è accettabile iniziare a tuffarsi verso il 1 maggio. Puoi naturalmente buttarti da ogni molo dove è permesso, ma perché non fare le cose in grande? Rilassati in una sauna pubblica o affittane una privata, prima di ritrovare l’energia con una nuotata rinfrescante.

    Il nostro consiglio: in Norvegia trovi delle saune molto speciali come The Arctic spa Vulkana ospitata su una barca a Tromsø, o le saune nascoste tra i graticci per seccare il pesce a Salt a Oslo, dove puoi provare anche le saune galleggianti KOK oppure Oslo Fjord Sauna. O fare l’esperienza fiabesca della sauna dorata Soria Moria a Dalen nel Telemark.

  9. 9. Avventurati sui ghiacciai

    Una escursione su un ghiacciaio è un’attività assolutamente da non perdere per ogni vero amante dell’avventura che viene in Norvegia in tarda primavera. Osa camminare su ghiacci che potrebbero avere più di un migliaio di anni, lasciati avvolgere dalle sfumature turchesi e stupire dalle formazioni simili a sculture in cui l’artista è la natura stessa. Attraversare per 60 chilometri il ghiacciaio Jostedalsbreen con gli sci o a piedi (sempre accompagnato da una guida) è l’attività preferita da chi è in perfetta forma. Ma niente paura – non tutte le escursioni sui ghiacciai sono così impegnative.

    Il nostro consiglio: avventure sui ghiacciai emozionanti ma adatte a tutti sono disponibili ad esempio sui bracci del ghiacciaio Jostedalsbreen, come il ghiacciaio Nigardsbreen nella regione di Sogn og Fjordane, oppure sul ghiacciaio Folgefonna nell’Hardanger, e sul ghiacciaio Svartisen nel Nordland. Tour regolari sui ghiacciai cominciano a maggio o a inizio giugno.

  10. 10. Sci primaverile

    “Vårskiturer”, cioè lo sci primaverile, è molto popolare in Norvegia. In alcune zone montuose e su al nord c’è di solito neve soffice e immacolata in abbondanza fino ad aprile e maggio. Le giornate sono più tiepide (potresti anche sciare in maglia di lana) e diventano sempre più lunghe. Nella Norvegia settentrionale puoi vedere perfino il sole di mezzanotte già in tarda primavera. Molte località sciistiche non chiudono fino alla fine di aprile e in molte zone la primavera è la stagione perfetta per lo sci escursionismo. Grazie al riflesso del sole sulla neve puoi anche farti un’abbronzatura primaverile. Ma non dimenticare crema solare e occhiali da sole o potresti scottarti.

    Il nostro consiglio: prova Narvikfjellet, una località sciistica nel nord dove puoi sciare dalla cima della montagna fino giù al fiordo, spesso fino a giugno. O prendi il treno per Finse, tra Oslo e Bergen, per praticare snowkite (disponibili corsi) e sci di fondo sull’altopiano dell’Hardangervidda.

Non c’è tempo migliore della primavera

Your Recently Viewed Pages

Torna su