Dynamic Variation:
Offers
x

There was not an exact match for the language you toggled to. You have been redirected to the nearest matching page within this section.

Choose Language
Toggling to another language will take you to the matching page or nearest matching page within that selection.
Search & Book Sponsored Links
Search
or search all of Norway

Architettura

Tra favole antiche e avanguardia
Oslo si sta rapidamente trasformando in una metropoli moderna e internazionale. In campagna progetti prestigiosi sembrano nascere dalla natura stessa. Non c'è mai stato un periodo più interessante per l'architettura norvegese.
The Rabothytta cabin in Helgeland at dusk
Rabothytta, Helgeland.
Photo: Jan Inge Larsen / Helgeland Reiseliv/Hemnes

Pensi alla Norvegia e probabilmente immagini montagne, foreste e fiordi, lunghe giornate estive e ancor più lunghi e gelidi inverni. E certamente le chiese di legno medievali, i borghi di montagna e le città millenarie testimoniano il passato agricolo, industriale e storico del Paese. Ora c'è un enorme progetto in corso per trasformare il volto della città.

Pur mantenendo il suo patrimonio millenario, la capitale norvegese sta subendo enormi cambiamenti, con una serie di importanti edifici e progetti di sviluppo in corso.

Architettura a Oslo: straordinari lavori in corso

Il patrimonio storico di Oslo ha radici millenarie, ma la capitale norvegese sta affrontando enormi cambiamenti, con diverse costruzioni notevoli e progetti di sviluppo urbano in corso.

Un intero nuovo quartiere sta emergendo tra il Palazzo dell'Opera di Snøhetta a forma di iceberg e i grattacieli “Barcode”, che hanno dato alla città un nuovo skyline. Due punti di riferimento - un nuovo Museo Munch e la Biblioteca Deichman - affiancheranno il Palazzo dell'Opera, mentre ci sono già nuovi appartamenti, edifici commerciali, passeggiate lungomare e spiagge cittadine.

Sull'altro lato della storica Fortezza Akershus, la piccola penisola di Tjuvholmen è ora sede di un gruppo di case e hotel di design moderni, nonché del Museo di arte moderna Astrup Fearnley di Renzo Piano, completato da una spiaggia proprio lì accanto.

Nel centro della città l’area di “Vulkan” è sorta intorno a diversi ex edifici industriali in riva al fiume Akerselva. Il mercato coperto gastronomico Mathallen è uno dei numerosi edifici industriali riconvertiti, dove puoi trovare cultura vivace, ottimo cibo e vita notturna.

Ciò non significa che Oslo sia tutta nuova. Ci sono ancora diversi gioielli più o meno nascosti del funzionalismo di inizio XX secolo, come Villa Stenersen e Villa Dammann, il ristorante Ekeberg e lo stabilimento balneare Ingierstrand.

Leggi di più su Oslo.

Andiamo in chiesa!

Durante il Medioevo vennero erette in molte parti d'Europa immense cattedrali di pietra. In Norvegia una tecnica simile fu utilizzata per le costruzioni in legno. Chiamate stavkirke per i pali angolari che le sostengono (“stav” in norvegese), 28 di queste chiese di legno si sono preservate in Norvegia. Due di queste sono la chiesa di Borgund del XII secolo, magnificamente conservata, e quella poco più antica di Urnes (ultimata nel 1132) che è elencata tra i siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.

Alcuni aspetti delle antiche tradizioni si ritrovano anche nell’architettura delle chiese moderne, sebbene trasformati e reinventati. Un nuovo punto di riferimento è la famosa chiesa della comunità di Knarvik degli architetti Reiulf Ramstad, appena a nord di Bergen - una chiesa di legno straordinaria e suggestiva ma comunque tranquilla.

D'altro canto alcune chiese recenti hanno rotto decisamente con la tradizione delle chiese di legno. La Cattedrale Artica di Tromsø, costruita ormai 50 anni fa, è un capolavoro che richiama alla mente sia le montagne circostanti che il Teatro dell’Opera di Sydney, mentre la chiesa Mortensrud di Oslo del 2002 è costruita in acciaio, vetro e pietra.

In Norvegia si trova anche la cattedrale medievale più settentrionale al mondo. Il paese venne convertito al cristianesimo un migliaio di anni fa, e la costruzione della Cattedrale di Nidaros iniziò nel 1.070 e fu terminata circa 200 anni dopo.

Natura, naturalmente

Il legno e altri materiali chiaramente sostenibili vengono utilizzati in modi nuovi e innovativi per molte nuove case, chalet ed edifici pubblici in tutta la Norvegia. Di fatto il grattacielo Mjøstårnet a Brumunddal con i suoi 85,4 metri è la casa in legno più alta al mondo. Anche elaborate case sugli alberi stanno diventando sempre più popolari.

In molti casi gli architetti si sono concentrati sulla creazione di accoglienti open space che catturino preziosa luce solare, in un paese dove il sole in inverno tramonta poco dopo mezzogiorno - quando sorge. Queste strutture non vengono concepite isolatamente, ma in relazione al paesaggio circostante e agli altri edifici, spesso con un tocco di simbolismo.

Alcuni esempi sono lo Juvet Landscape Hotel vicino al Geirangerfjord, il punto panoramico Snøhetta sul monte Tverrfjellet, il Centro Knut Hamsun a Hamarøy, lo chalet Rabothytta nello Helgeland, e il primo ristorante sottomarino in Norvegia, Under a Lindesnes. Lo stesso vale per diverse residenze private e chalet, come la residenza estiva Jensen & Skodvin a Storfjord, il rifugio Split View Mountain Lodge degli architetti Reiulf Ramstad o gli chalet Atelier Oslo rivestiti in basalto a Norderhov.

Perfino nelle città ci sono edifici di questo tipo, come il pluripremiato D36 Green House a Oslo, un condominio sostenibile in legno e vetro perfettamente integrato nel parco circostante.

Strade premiate

Infine non possiamo non menzionare l’iniziativa delle Strade Turistiche Nazionali. Lungo alcune delle strade più spettacolari della Norvegia, diverse costruzioni e architetture di design arricchiscono ora l'esperienza della natura circostante, con aree di sosta e punti panoramici che sono delle opere d'arte a tutti gli effetti.

Guarda tu stesso

Le foto dei viaggiatori

Architettura in tutta la Norvegia

×
Your Recently Viewed Pages

Torna su