Skip to main content

SKREI

Il pesce su cui si è costruita la Norvegia

Ogni inverno centinaia di pescherecci si radunano sul ventoso Vestfjord, solitamente con uno stormo di gabbiani affamati al seguito.

Questi pescatori sono fuori a caccia di skrei, il merluzzo artico che arriva ogni anno migrando dal Mare di Barents fino alla costa della Norvegia settentrionale per riprodursi. Questa grande specie di merluzzo è particolarmente abbondante presso le coste di Lofoten, Senja e Vesterålen tra gennaio e aprile.

Il lungo viaggio che lo skrei compie gli dà una polpa più soda rispetto al normale merluzzo, che tende a rimanere nello stesso posto.

La carne bianca e delicata del pesce è così tenera che si sfalda se la tocchi delicatamente con la forchetta.

Magari hai voglia di provare a pescare uno skrei? Con un po’ di fortuna potresti tornare con un vero gigante come questo. In tal caso ti è concesso vantartene un po’!

Uno skrei può arrivare a pesare 55 chili e a misurare fino a 180 centimetri.

Ricorda però che si utilizza tutto il pesce, non soltanto il filetto. La lingua di merluzzo fritta è una delicatezza buona e croccante – di certo una delle preferite dalla gente del posto!

Lo skrei è in effetti il motivo per cui gli uomini sono potuti sopravvivere così a nord.

Lo stoccafisso (merluzzo essiccato) era una risorsa importante durante l’Era vichinga.

È stato anche il più importante prodotto di esportazione per centinaia di anni, e gli abitanti di città come Trondheim e Bergen si sono guadagnati da vivere con il commercio dello stoccafisso con l’Europa meridionale.

Su al nord apparvero lungo tutta la costa piccoli villaggi di pescatori e città mercantili.

Durante la stagione di pesca “lofotfiske”, migliaia di pescatori da tutta la Norvegia erano soliti radunarsi alle Lofoten. A Henningsvær, alle Lofoten, i pescherecci erano spesso allineati così vicino l’un l’altro che potevi camminare da un lato all’altro dello stretto senza bagnarti i piedi.

Ma la pesca poteva anche essere pericolosa. Durante una forte tempesta, il 25 gennaio 1893, persero la vita 130 pescatori.

Oggi Henningsvær è uno dei molti idilliaci villaggi di pescatori della Norvegia settentrionale che puoi visitare, con tanti accoglienti ristoranti e piccole gallerie d’arte, e anche un’attiva comunità di climber.

Altri villaggi con una ricca storia di pesca sono Kabelvåg, Nusfjord, Røst e Å alle Lofoten, Nyksund alle Vesterålen, e l’antico emporio di Kjerringøy, poco distante da Bodø.

Havnnes Handelssted a Lyngen è uno dei pochi villaggi di pescatori nel Finnmark che non sono stati distrutti dagli incendi durante la Seconda guerra mondiale.

In molti villaggi puoi trascorrere la notte in una rorbu, una tradizionale casetta di pescatori, a stretto contatto con le forze della natura.

Il re Øystein Magnusson introdusse l’usanza di costruire le rorbu nel XII secolo, affinché i pescatori che arrivavano qui potessero avere un posto dove stare.

Prima di allora quei poveri pescatori erano soliti dormire sotto le loro barche, indipendentemente dalle condizioni del tempo.

Puoi gustare il saporito skrei con la coscienza tranquilla. La popolazione di merluzzo artico norvegese è una delle risorse ittiche meglio gestite al mondo.

Lo skrei fresco ed essiccato è tuttora uno dei più importanti prodotti di esportazione della Norvegia.

È questo il motivo per cui gli abitanti della Norvegia settentrionale chiamano il caratteristico “odore” di stoccafisso “l’odore dei soldi”.

La parola norvegese per merluzzo è “torsk”. Deriva dal norreno "tursk", che significa torre (per l’essiccazione del pesce).

Lo skrei viene fatto essiccare per mesi su rastrelliere all’aperto. L’aria mite e salata della costa ha proprio la giusta quantità di sole, pioggia, neve e vento che è perfetta per il processo fermentativo. Il pesce alla fine viene stagionato al chiuso.

"Lo stoccafisso delle Lofoten" è tra l’altro un prodotto a Indicazione Geografica Protetta (PGI) in Europa, come lo Champagne.

Quindi devi proprio provarlo!

Lo stoccafisso deve essere messo in ammollo per diversi giorni prima che sia pronto per la cottura. Poi può essere utilizzato, cotto in forno o alla griglia, per qualsiasi piatto, dalle insalate alla pizza, alla pasta, o agli stufati.

Assaggia la specialità locale boknafisk, che è una variante parzialmente essiccata.

Lo sapevi che il classico piatto natalizio norvegese, il lutefisk, è preparato con il pesce essiccato?

Dato che si usa tutto del merluzzo, non viene sprecato nulla.

Queste teste di merluzzo essiccate vengono vendute alla Nigeria, dove sono utilizzate come ingrediente del piatto nazionale del paese …

… mentre il latte di merluzzo (sì, è un altro modo per dire sperma di merluzzo!) viene venduto ai ristoranti sushi in Asia.

Le uova di pesce possono essere cotte o trasformate in un delizioso caviale, e le vitamine e gli omega 3 vengono estratti per fare il super-salutare olio di fegato di merluzzo.

Fettine sottili di pesce essiccato si possono gustare come uno snack 😋

Pronto per una vera avventura di pesca?

Trova delle proposte che sanno di skrei!

Continua a leggere

Approfitta delle migliori offerte

Ecco una selezione di operatori per organizzare al meglio il tuo viaggio.

Ultime pagine visualizzate