Dynamic Variation:
Offers
Choose Language
Search & Book Sponsored Links
Search
or search all of Norway
Trondheim
Trondheim.
Photo: Vibeke Myhren
Campaign
Course
Event
Partner
Media
Meetings
Travel Trade

Negli ultimi anni Grünerløkka a Oslo potrebbe aver conquistato il primo posto quando si tratta di quartieri di tendenza. Ma tutte le maggiori città in Norvegia hanno le loro zone cool dove vanno gli abitanti quando vogliono uscire, mangiare bene e divertirsi.

Pubblicato: 30 aprile 2018

Grünerløkka a Oslo viene sempre incluso quando i giornali stranieri scrivono dei quartieri più trendy in Europa. Vengono citati spesso tutti i suoi caffè, ristoranti, negozi e Mathallen, e il britannico The Telegraph ha chiamato il quartiere “la Shoreditch di Oslo” quando ha parlato di 27 tra le migliori zone hipster al mondo.

Non è solo la capitale ad avere quartieri che si distinguono. Nelle città in tutta la Norvegia al giorno d’oggi si trovano zone interessanti con negozi particolari con prodotti di nicchia, caffè e ristoranti, o con menu un po’ diversi.

Ti serve qualche consiglio per gustare al meglio le città? Ecco i quartieri più trendy in Norvegia:

Bergen

Skostredet, Bergen

Skostredet, Bergen.
Photo: Utetrend.no

Secondo Marianne Johnsen di Visit Bergen, Skostredet è il posto dove andare se vuoi vedere la zona più di tendenza di Bergen.

Questo quartiere della "Città circondata da sette monti” viene descritto come divertente ma anche rétro, e tra le sue casette in legno colorate troverai di tutto, da negozi graziosi e particolari a gallerie, caffè, bar e ristoranti.

"Skostredet ha un’atmosfera casual e rilassata, ma allo stesso tempo è molto frequentato e penso che attrarrà ancora più gente in futuro”, dice Daniel Christoffersen di Utetrend.no.

Hallaisen, Bergen

Hallaisen, Bergen.
Photo: Utetrend.no

Il sito web Utetrend.no è specializzato in vita notturna, moda, cultura e scena musicale a Bergen e descrive Skostredet come una strada movimentata e piena di musica. Se cerchi negozi di usato e vintage sei nel posto giusto. Puoi anche fare un salto al negozio di alimentari a zero rifiuti Råvarene (cioè ‘materie prime’), che evita di utilizzare contenitori superflui.

"È anche una zona della città molto culturale. Ci sono diverse gallerie di arte contemporanea”, dice Christoffersen.

Folk og røvere, Bergen

Folk og røvere, Bergen.
Photo: Utetrend.no

Una di queste è la galleria musicale Østre, che spesso quando scende la sera si trasforma in un animato club con musica elettronica. Oppure fai una visita a Litteraturhuset   (cioè Casa della letteratura), dove oltre a gustare una colazione, pranzo o cena, puoi assistere a interessanti dibattiti e lezioni.

Puoi concludere la giornata alla gelateria e cocktail bar Hallaisen, al bar rétro TempoTempo, oppure al Folk og Røvere, un bar molto popolare che aprì quando 46 persone nel 2007 investirono 10.000 corone ciascuna nel progetto di un locale per l’after-party, “un pub in cui tutti avrebbero voglia di andare”.

Stavanger

Stavanger

Stavanger.
Photo: Liv K. Jehl/Region Stavanger

Un buon numero di quartieri della capitale petrolifera della Norvegia si sono svegliati dal loro letargo negli ultimi anni.

"Abbiamo sia Stavanger Est sia Fargegaten - Øvre Holmegate," dice Lene Lunde di Region Stavanger.

La rinascita di Stavanger Est è iniziata alcuni anni fa con il vecchio birrificio. Oggi Tou Scene è un’importante scena culturale: funziona come centro per le mostre di street art ed è il punto di partenza per visite guidate a questa forma di arte di strada.

Questo quartiere ha un carattere dinamico e innovativo ed è spesso chiamato la “Silicon Valley” di Stavanger, in cui le attività imprenditoriali di Innovation Dock giocano un ruolo importante. A seguito della creazione di questo spazio coworking parecchi caffè e pub accoglienti stanno valorizzando le birre o il te biologico locali, e si trova in questa zona anche il nuovo mercato coperto di Stavanger.

Stavanger

Stavanger.
Photo: Ian Cox / Nuart

Fargegaten (cioè ‘Strada dei colori’), o Øvre Holmegate, che è il vero nome della strada, è definita localmente la “Notting Hill” di Stavanger. Fino al 2005 questa era una zona completamente ‘morta’, ma quando il famoso parrucchiere Tom Kjørsvik e l’artista Craig Flannagan crearono un codice cromatico organico per tutta la strada le cose iniziarono davvero a cambiare:

"Oggi questa è la zona hipster di Stavanger e Fargegaten è diventata un’attrattiva con caffè, pub, ristoranti, negozi alternativi con prodotti di nicchia e persino il suo barbiere”, dice Lene Lunde.

Tromsø

Tromsø

Tromsø.
Photo: Knut Hansvold / Nordnorsk Reiseliv

Se stai visitando Tromsø è d’obbligo la strada Storgata, in particolare l’incrocio tra Storgata e Strandskillet dove ci sono posti famosi come Bastard, Skarven e G.

"Strandskillet è situata anche vicino alla stazione ferroviaria di Tromsø. Non abbiamo i treni, ma almeno abbiamo la stazione. E dato che non ci sono mai  treni in arrivo puoi almeno farti una birra”, dice Knut Hansvold dell’Ufficio Turistico della Norvegia settentrionale.

Tromsø

Tromsø.
Photo: Knut Hansvold / Nordnorsk Reiseliv

Sebbene questa sia senza dubbio la zona della città dove si incontra più gente, c’è fermento anche un po’ più a nord, nella “Parigi del Nord”, aggiunge.

Sono in effetti stati avviati diversi progetti per creare un’atmosfera più vivace tra le case storiche di legno a Nordbyen, a due passi da Tromsøbrua. Se vai oggi a fare una passeggiata nel vecchio quartiere popolare potrai già trovare gustose sorprese in ristoranti come Hildr, Burgr o Rå Sushi. 

Se invece preferisci solo goderti l’atmosfera del luogo puoi provare il menu del bar da Verdensteatret, assaggiare la birra locale nei micro birrifici Graff oppure Bryggeri 13, o sederti a gustare una tazza di caffè da Svermeriet o da Bårstua.

Trondheim

Trondheim

Trondheim.
Photo: Martin Håndlykken / Visitnorway.com

Quando sei a Trondheim devi per forza andare a Bakklandet. È stato il primo sobborgo della città e il primo insediamento c’era già nel 1600. Inoltre questa è stata un’importante area industriale e Bakklandet ha sempre avuto una combinazione di edifici residenziali e attività commerciali. Per fortuna, per chi viene adesso a Trondheim, gli abitanti hanno ridato nuova vita alla zona vecchia della città.

"Oggi Bakklandet è un’area urbana iconica con negozi particolari, gallerie, ristoranti interessanti e innovativi, piccoli centri fitness, spazi coworking e caffè”, dice Sunniva Evjen, Marketing Manager di Visit Trondheim.

Trondheim

Trondheim.
Photo: Jørn Adde

Gli abitanti qui sono un misto di vecchi e giovani, ma Bakkalandet, con il suo festival e con il Mercatino di Natale, viene utilizzato tutto l’anno da tutti quelli che vivono a Trondheim.

Dovresti visitare anche le zone verdi e rigogliose di Lademoen e Lilleby quando sei a Trondheim. 

"I visitatori possono esplorare gli orti e i giardini, un herbal hotel, abitazioni ecologiche, cibi biologici e botteghe dell’usato”, dice Evjen.

Lilleby è in pratica un’area industriale in cui le case e gli appartamenti vengono ora costruiti in base a criteri di ambientalismo e sostenibilità. Quando sei in zona puoi provare ristoranti innovativi come Credo, Jossa e Finnes.

Oslo

Tøyen, Oslo

Tøyen, Oslo.
Photo: Tord Baklund / VisitOslo

Durante gli ultimi 10-15 anni è cosa nota che si fa spesso riferimento a  Grünerløkka come al quartiere più di tendenza di Oslo.

Ci sono tutta una serie di piccoli negozi indipendenti, nuovi e interessanti ristoranti, rilassanti zone verdi e una popolazione relativamente giovane. Negli ultimi anni in questo quartiere ha aperto anche un nuovo mercato coperto che offre il meglio di prodotti freschi, pesce e carne norvegesi.

Comunque ci sono altri posti stimolanti in città e zone con molte novità che potrebbero interessare i viaggiatori in cerca di esperienze culturali, shopping originale e buon cibo, secondo quanto dice Sonja L. Birch-Olsen, responsabile della comunicazione di VisitOslo.

Youngstorget, Oslo

Youngstorget, Oslo.
Photo: Tord Baklund / VisitOslo

"Ad esempio ci sono tante cose nuove e interessanti a Tøyen, che ha numerosi locali notturni e ristoranti come Human Mote, The Golden Chimp, Brutus, Gurken Gurken Gurken Gurken, Nord & Natt, Grådi e Postkontoret per citarne solo alcuni”, dice.

Altre zone centrali sono le vie Youngsgata e parte di Torggata, particolarmente interessanti in fatto di locali notturni, bar e pub - se sei un appassionato di birra qui avrai solo l’imbarazzo della scelta.

"Vorrei anche menzionare Landbrukskvartalet nel quartiere di Grønland, un luogo dove accadrà molto in futuro. È qui che ha aperto di recente Bruket Oslo, che vuole offrire un’esperienza centrata su sostenibilità, cultura, mangiare e bere”, dice Birch-Olsen.

Pubblicità

Nordic Choice Hotels - una catena di hotel unica

Thon Hotels - Colazione fantastica inclusa

Hurtigruten -  "La più bella crociera al mondo"

Widerøe - la maggiore linea regionale scandinava

Your Recently Viewed Pages

Torna su

Ad
Ad
Ad