Dynamic Variation:
Book
Choose Language
Search & Book
Search
or search all of Norway
Oslo Oslo
Credits
Oslo.
Photo: VisitOSLO/Munchmuseet
Campaign
Partner
Ad

L’eco dell’ Urlo

Da uno dei più bei punti panoramici di Oslo, Edvard Munch trovò l’ispirazione per uno dipinti più famosi al mondo - L’Urlo.

Testo: Morten Andre Samdal

Munch dipinse L’Urlo a Nizza, nel tardo autunno del 1893 - molto distante dal luogo in cui il pittore effettivamente concepì quell’immagine iconica. Quel posto è sempre visitabile. Per arrivare a Ekebergskrenten (la “collina di Ekeberg”) devi seguire uno dei tanti sentieri invasi dall’erba, ripidi e serpeggianti che partono dalla Città Vecchia nella Oslo est.

Tra le migliaia di pagine di memorie dell’artista, un paio di frasi rievocano la passeggiata che cambiò la storia dell’arte. 

 “«Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò, il cielo si tinse all’improvviso di rosso sangue. Mi fermai, mi appoggiai stanco morto ad una palizzata. Sul fiordo nero-azzurro e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco. I miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura, e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura”.

View from Ekeberg
Credits
View from Ekeberg.
Photo: VisitOSLO/Tord Baklund

Credits
View from Ekeberg.
Photo: VisitOSLO/Tord Baklund
Ekebergrestauranten
Credits
Ekebergrestauranten.
Photo: Ekebergrestauranten.com

Credits
Ekebergrestauranten.
Photo: Ekebergrestauranten.com

 

Ekeberg è una meta popolare, per il suo ristorante modernista, il nuovo parco di sculture - e la vista incredibile. Sotto di noi, mentre attraversiamo il sentiero, si svela la capitale. Oltre al premiato capolavoro architettonico dell’Oslo Opera House, vediamo il posto ancora vuoto dove nel 2019 aprirà il nuovo epocale Museo di Munch e, più lontano, il Museo di Arte Moderna Astrup Fearnley, una delle maggiori esposizioni di arte contemporanea nazionale e internazionale nel paese. Il leggendario architetto Renzo Piano disegna la sua nuova sede. Accanto, è in costruzione anche il nuovo Museo Nazionale, che ospiterà molte delle opere di Munch.

Da qui si può vedere fino a Grünerløkka, oggi uno dei quartieri della città più popolari tra artisti e artigiani. Proprio là, in piazza Olaf Ryes, Edvard Munch iniziò da povero pittore la sua lunga strada verso i cieli stellati.

Oggi la maggior parte delle persone in tutto il mondo lo conoscono. Tutti hanno qualche legame con questo significativo pittore dallo stile inconfondibile. Pochi però sanno che Munch è norvegese. 

 

 “Possono essere molte le ragioni di questo” dice Hans Richard Elgheim, un grande esperto di Munch. “Oltre al fatto che viveva in Germania al tempo in cui iniziò il suo successo, la sua arte è anche non-norvegese, nel senso che la nazionalità è spesso collegata a tematiche. Non troviamo nessuna immediata traccia romantica nei suoi dipinti, come facciamo invece ad esempio nei quadri di Tiedemann e Gude, e altri dei maggiori artisti norvegesi”. Munch, spiega, era diverso. “Egli piuttosto si interessava e si focalizzava sulle questioni esistenziali quali vita, amore, morte e angoscia. Era un espressionista, desideroso di imprimere le sue emozioni direttamente sulla tela. Non era uno che si nascondeva dietro le convenzioni o a una precisa tecnica pittorica. Era un pioniere, e la sua arte è universale.”

Ci sono molti miti su Munch – “il genio solitario.” La sua vita fu segnata da tumulti interiori, angoscia e domande inconcluse. Egli non trovava - come suo padre - consolazione nella fede. Quello che lo aiutava era la pittura, e quello che dipingeva era un riflesso della propria mente. 

Ekebergparken Sculpture Park
Credits
Ekebergparken Sculpture Park.
Photo: VISITOSLO/Tord Baklund ©Richard Hudson/BONO

Credits
Ekebergparken Sculpture Park.
Photo: VISITOSLO/Tord Baklund ©Richard Hudson/BONO
Children at the Munch Museum
Credits
Children at the Munch Museum.
Photo: VISITOSLO/©Munchmuseet

Credits
Children at the Munch Museum.
Photo: VISITOSLO/©Munchmuseet

 

“Si devono smettere di dipingere donne che lavorano a maglia e uomini che leggono. Io voglio dipingere persone che respirano e provano sentimenti, che amano e soffrono,” disse.

Dal 1916 fino alla morte nel 1944, visse a Ekely, una villa svizzera nel quartiere di Skøyen a Oslo. Fu molto produttivo fin quasi alla fine, e durante i 28 anni in cui visse a Ekely ebbe diversi motivi ricorrenti: l’insolito bosco attorno alla villa, paesaggi rurali e ritratti di donne. C’era soltanto un vecchio vivaio in quel luogo quando Munch comprò la proprietà, situata tra l’area industriale di Skøyen e le campagne di Vestre Aker. Solo un paio di chilometri a est e proprio allo stesso tempo, il suo contemporaneo Gustav Vigeland stava lavorando alla notissima installazione di statue nel parco Frogner. 

 

A Ekely, lo studio dell’artista è ancora funzionante, utilizzato da aspiranti giovani artisti norvegesi e stranieri pronti a raccogliere il lascito di Munch - un uomo che è ancora modello per molti. In alcune occasioni l’intera proprietà è aperta ai visitatori, quindi controlla gli orari di apertura quando ti trovi in zona.

C’è un motivo se Munch è stato definito “un artista contemporaneo eternamente attuale”. Di recente, uno dei più acclamati artisti norvegesi viventi, Bjarne Melgaard, ha esposto le sue interpretazioni di Munch accanto alle opere originali del maestro, nell’attuale Museo di Munch a Tøyen.

La dicutibile trovata ha creato molto dibattito nell’ambiente artistico norvegese. Ed è proprio questo che è così affascinante in Munch: le sue opere possono sempre venire attualizzate, e ancora sollevano forti reazioni. 

Altre storie da Oslo

Esplora questi luoghi

Oslo offre ...

Abbiamo molto altro da offrire, e non devi aspettare fino al tuo arrivo per scoprire cosa ti piacerebbe fare. Non perdere tempo a comincia a esplorare!

×

Continua a leggere

Your Recently Viewed Pages
Ad
Ad
Ad