Skip to main content

Escursioni in mezzo alla natura

Segui le orme di Gjermund Nordskar che ha fatto escursionismo in 37 dei 47 parchi nazionali della Norvegia e ne ha scritto un libro. Leggi i consigli per evitare i percorsi più battuti e scoprire sentieri nelle zone meno conosciute.

“Ognuno di questi parchi nazionali ha aspetti peculiari e attività adatte a tutta la famiglia.”

La Norvegia è famosa per la sua natura splendida e incontaminata. Il meglio lo si trova nei 47 parchi nazionali sparsi in tutto il paese.

Gjermund Nordskar ha scritto un libro sulle sue escursioni Til topps i Norges nasjonalparker (“In vetta nei parchi nazionali della Norvegia”), per cui è stato 80 giorni in 37 parchi nazionali della Norvegia continentale. È convinto che gli enormi territori dei parchi siano facilmente accessibili alla maggior parte delle persone. “Se vai al di fuori delle zone più visitate puoi camminare in una natura intatta che si estende ben oltre ciò che abbracci con lo sguardo”, dice Nordskar.

Cosa aspettarsi da un parco nazionale?

I parchi nazionali proteggono le aree naturali e gli ecosistemi vulnerabili che le autorità ambientali della Norvegia hanno deciso di tutelare. 20.000 chilometri di sentieri o di piste per lo sci di fondo sono chiaramente segnalati con una ‘T’ rossa, il segno utilizzato dalla Associazione Trekking Norvegese. In queste aree i visitatori troveranno spesso anche sistemazioni per il pernottamento.

All’ingresso di molti parchi, di solito presso le aree di parcheggio, ci sono moderni centri visitatori che offrono utili informazioni e materiale. Ricorda che nei parchi devi rispettare la natura e la fauna, gli altri escursionisti e le tradizioni locali. In sintesi lascia l’ambiente come ti piacerebbe trovarlo. The Norwegian Environment Agency, l’Agenzia norvegese per la protezione dell’ambiente, fornisce maggiori informazioni sulle aree protette.

Olav Nord-Varhaug gestisce la sezione dei Parchi nazionali norvegesi presso The Norwegian Environment Agency.

La natura nei parchi nazionali è resistente. Può sopportare di essere usata molto più di quanto lo è oggi”, sostiene.

Soggetti fotografici insoliti

Anche gli escursionisti amano pubblicare sui social i loro scatti nei parchi nazionali. Gjermund Nordskar afferma che questi post sono un fattore positivo per aumentare la conoscenza su quanto i parchi nazionali hanno da offrire. Però le foto che si trovano sui social come Instagram o Facebook sono soltanto di pochi dei 47 parchi che ci sono in Norvegia.

Cinque parchi fuori dai sentieri battuti

Quindi quali parchi ci consiglierebbe di visitare tra quelli meno conosciuti?

Nordskar cita immediatamente Lomsdal-Visten nello Helgeland, Seiland vicino a Hammerfest all’estremo nord, Breheimen a nord della zona più interna del Sognefjord, e Rago e Sjunkhatten nel Salten, poco sopra la città di Bodø nella Norvegia settentrionale. E dice che hanno tutti delle caratteristiche peculiari e attività per tutta la famiglia.

Lomsdal-Visten è noto come ‘la terra sconosciuta’ ed è una delle ultime zone completamente selvagge della Norvegia.”

Seiland offre uno straordinario paesaggio insulare nell’arcipelago del Finnmark.”

Breheimen è una catena montuosa poco visitata con numerosi piccoli ghiacciai e stupende montagne. Il parco vive all’ombra del più famoso Jotunheimen.

Rago è un parco per chi ama l’avventura, con straordinarie cascate e splendidi colori.”

Sjunkhatten regala natura selvaggia e grandi contrasti. Qui aquile di mare coda bianca volteggiano sopra di te e ripide pareti rocciose si innalzano dal fiordo. Sjunkhatten è anche conosciuto come ‘Parco nazionale per bambini’ per le attività adatte a loro.”

“La natura nei parchi nazionali può sopportare di essere usata molto più di quanto lo è oggi.”

Profumi e odori

Quali sono gli odori che sono rimasti più impressi a Gjermund Nordskar dopo le sue 37 escursioni nei parchi nazionali?

“É una sensazione davvero speciale sentire odore di mare quando sei in cima a una montagna. In Norvegia ci sono molte montagne vicino al mare ma anche tante foreste di aghifoglie. Il Trøndelag ha profumi particolari per le grandi distese di acquitrini, anche all’interno dei suoi sette parchi nazionali Lierne, Blåfjella-Skjækerfjella, Forollhogna, Femundsmarka, Dovrefjell-Sunndalsfjella, Skarvan e Roltdalen. Perfino il vento sulle cime ha un profumo di fresco diverso da qualsiasi altra cosa. L’odore che accompagna un’escursione in montagna è quello di ossigeno puro”, sostiene Nordskar.

Abbigliamento adatto

Quando parti per un’escursione porta sempre con te degli abiti caldi – una giacca a vento, pantaloni facili da indossare e un maglione di lana. “In caso di incidente è fondamentale restare caldi”, sottolinea Nordskar.

“Mantieni calde anche le mani. Porta sempre almeno due paia di guanti, di cui uno deve essere impermeabile e antivento. In caso di brutto tempo i guanti da sci non proteggono a sufficienza: quando si bagnano assorbono il calore dalle mani. E una volta che le mani si sono raffreddate perdi la sensibilità per fare anche le cose più basilari. Con le mani gelate non riesci di certo a maneggiare il cellulare per scattare foto”, dice Nordskar.

Nuove tecnologie – o mappa e bussola?

L’attrezzatura per orientarsi e per comunicare è essenziale nelle escursioni più lunghe. In molte aree montane la copertura di rete è limitata, quindi può tornare utile un cercapersone o apparecchi simili. Per orientarti sono indispensabili mappa e bussola. Pensa al GPS soltanto come backup.

“Porta anche un powerbank per caricare il cellulare” consiglia Nordskar.

Se non ti sembra di avere l’esperienza sufficiente per avventurarti nell’outdoor per conto tuo, molti tour operatori locali possono aiutarti a vivere l’esperienza della natura nel modo migliore e più sicuro.

Facili camminate

E se non hai grandi ambizioni per la tua escursione?

“Allora puoi fare anche solo una breve passeggiata nella natura e poi rilassarti in mezzo all’erica, raccogliere frutti di bosco e scattare fotografie”, rassicura Nordskar.

“Puoi anche decidere di affidarti a uno dei molti tour operator locali. Le guide escursionistiche conoscono bene la natura.”

Buon cibo

Il buon cibo locale è un aspetto importante della tua visita ad un parco nazionale.

“Il risotto cotto su un fornellino da campo è diventato il piatto preferito dal mio team. Preferibilmente accompagnato da cipolla, aglio, formaggio e verdure. Anche se nei parchi nazionali ci sono molti posti dove andare a mangiare il mio gruppo non ne ha mai utilizzati durante le nostre 37 escursioni, dato che uno degli obiettivi era di essere autosufficienti”, racconta Nordskar.

Secondo Olav Nord-Varhaug i responsabili dei parchi nazionali ritengono che una offerta di ristorazione di buon livello sia una parte sempre più importante dell’esperienza escursionistica.

“Un’offerta locale di ristorazione e pernottamento di alta qualità rende più facile per un escursionista scegliere di trascorrere tutta la giornata o più giorni nella natura. In molti posti all’interno o appena all’esterno dei parchi nazionali c’è una buona offerta di ristoranti e altri servizi.”

Puoi trovare cibi deliziosi preparati con ingredienti freschi del territorio a Lom, Langsua, Folgefonna, Hardangervidda, e in molti altri parchi.

Rispetto per la natura

Secondo Nord-Varhaug viene lasciata pochissima o nessuna spazzatura dai visitatori nei parchi nazionali. “Sembra che gli escursionisti siano ben consapevoli dell’impatto sull’ambiente.”

Nordskar ha perso o dimenticato qualcosa nella natura durante queste 37 escursioni?

“Sì, una sacca per la tenda. L’ha portata via il vento e spero che abbia felicemente trovato un nuovo proprietario. Per il resto abbiamo tenuto tutto bene sotto controllo durante i nostri 80 giorni di viaggio.”

Incontrare la fauna

Per osservare animali rari devi andare nelle aeree in cui vivono e vanno a mangiare e bere. “Ma cerca di informarti sulla fauna selvatica prima di fare un’escursione”, dice Nordskar.

Nella natura selvaggia puoi imbatterti in alci, renne e uccelli rari. Non avvicinarti – osservali a distanza e arretra lentamente. Puoi partecipare a un safari naturalistico con guide che sanno dove è più probabile avvistare gli animali e, soprattutto, come farlo in tutta sicurezza – specialmente se vuoi vedere delle specie che non dovresti avvicinare per conto tuo, come il bue muschiato.

Le migliori offerte dei nostri partner

Prenota adesso la tua prossima vacanza in Norvegia.

Scopri gli altri parchi nazionali

Non devi aspettare fino al tuo arrivo per scoprire cosa puoi fare.

Ultime pagine visualizzate