Dynamic Variation:
Book
Choose Language
Search & Book
Search
or search all of Norway

Norvegia da bere

La purezza della natura alla base di ogni bevanda
Organizza il tuo viaggio e segui la tua sete. La Norvegia si offre in gocce, rivoli e stille, spruzzi, schiuma e bollicine. I consigli di un insider su tutto quello che potresti desiderare bere.
Kautokeino Kautokeino
Credits
Kautokeino.
Photo: Bjarne Riesto / riesto.no / www.nordnorge.com / Kautokeino
Ad

“Poter bere acqua pura e senza batteri direttamente sia dal rubinetto che da un ruscello di montagna è un lusso che credo sia piuttosto raro al mondo”, dice Vidar Lund, scienziato senior presso il Ministero della Salute Norvegese.

In giornata e senza dover viaggiare molto lontano puoi ritrovarti a bere una grande varietà delle specialità che la Norvegia può offrire: in tazza o in bicchiere, in bar, birrifici, distillerie, in un’infinità di torrenti montani, in fattorie e molto altro ancora.

Latte che sa di natura

Andreas Viestad è un noto critico gastronomico con una rubrica fissa su The Washington Post. Conduce anche la serie TV New Scandinaviancooking.

“Il latte migliore si ottiene dalle mucche che mangiano bene e la Norvegia ha abbondanza di prati con erbe che crescono lentamente. Il latte standard da supermercato è davvero buono”, dice Viestad.

In alcune fattorie saranno felici di farvi apprezzare il latte fresco appena munto.

“Durante una visita ad un alpeggio nella valle di Sanddalen nel Valdres, misi un barattolo di latte fresco a raffreddarsi dentro un torrente”, racconta il critico. Non serve un frigorifero quando sei in mezzo alla natura, dove hai soluzioni naturali a portata di mano.

Caffè sempre e ovunque

Oltre al latte è il caffè la bevanda principale in Norvegia. Poche cose sono più tipicamente norvegesi che incontrarsi per un caffè, in qualsiasi momento, che sia a casa attorno al tavolo della cucina, fatto su un fuoco da campeggio durante un’escursione a un fiordo o un lago, o preparato da un barista. L’acqua e il latte norvegesi danno un sapore speciale a ogni latte macchiato. Devi proprio provare qualcuno dei nuovissimi bar che trovi in ogni città. Alcuni hanno ottenuto riconoscimenti a livello internazionale.

Andreas Viestad spiega: “Fin da quando il caffè arrivò in Norvegia tanto tempo fa, abbiamo sempre avuto un consumo insolitamente alto che ha origine dalla vecchia cultura dell’astinenza dall’alcol. Ultimamente abbiamo cercato di migliorare la qualità del caffè. Robert Thoresen, che vinse l’oro nel World Barista Championship, fu il primo ad aprire in Norvegia la propria piccola torrefazione nel 2000 e ora lavora su grande scala con l’importazione del caffè crudo. É ancora impegnato anche nella gestione delle sue caffetterie Java e Mocca a Oslo, che aiutarono a dare l’avvio a tutto quanto.”

"L’acqua e il latte norvegesi danno un sapore speciale a ogni latte macchiato".

Birrifici in aumento

Colin Eick è coautore e fotografo del libro Ølbrygging (che significa “Fare la birra”), una guida autorevole al nuovo panorama di imprenditori di birrifici in Norvegia.

“Una delle mie birre preferite è della fattoria Lindheim a Gvarv, nel Telemark. Lindheim sfrutta la sua origine di frutteto usando la frutta della fattoria nella produzione della birra. Sono arrivati al quinto posto nella categoria ‘Top nuovi birrifici nel mondo’ sul sito Ratebeer, che afferma che ‘il Birrificio Lindheim è la nuova star della scena norvegese, saltato fuori dal nulla’. Mele, ciliegie e prugne aggiungono un gusto speciale combinato all’uso delle botti per acquavite. Lindheim è tra i pochi che collaborano con la danese Mikkeller, famosa in tutto il mondo”, dice Colin Eick.

Eick cita anche la Oslo Håndverksdestilleri, una distilleria artigianale che combina i liquori ad estratti vegetali raccolti a mano dai proprietari stessi nella natura attorno alla capitale. Il marchio “Marka”, che porta il nome della estesa foresta di Marka che circonda la città di Oslo, è un amaro digestivo con mirto, tarassaco e radice di angelica.

Merete Bø, che viene dalla cittadina montana di Voss, è una sommelier che è diventata un riferimento nazionale su cosa bere grazie ai suoi libri di cibo e bevande e una rubrica fissa sul quotidiano Dagens Næringsliv. Il suo consiglio sulla birra:

“Il birrificio Voss è un produttore su piccola scala ma sempre più popolare, la cui specialità è fare la birra con ingredienti insoliti come la varietà locale di ginepro, raccolto a mano in montagna.”

Torrenti montani e bar

Quando Merete era piccola a Voss lei e la sua famiglia andavano a camminare in montagna e mettevano nello zaino le loro tazze per bere.

Bevevamo direttamente dai piccoli ruscelli di montagna. Cercavamo l’acqua che scorreva rapidamente e dove potevamo vedere il terreno attorno per assicurarci che il ruscello non fosse contaminato dagli animali”, racconta Bø.

Tra l’altro Fjellbekk (ruscello di montagna in italiano) è anche il nome di un classico cocktail norvegese.

“Fjellbekk è tra i primi drink che ho preparato quando iniziai l’attività. É a base principalmente di acquavite, vodka, limone e lime.”

L’acquavite di dice “akevitt” in norvegese ed è il liquore più popolare nel paese. Merete ci suggerisce di assaggiare acquavite, gin e whisky fatti con le erbe spontanee norvegesi di Det norske brenneri, in precedenza Puntervold, della cittadina di Grimstad nella Norvegia meridionale. Raccomanda anche la distilleria Myken, la prima distilleria artica di whisky al mondo, che  produce su piccola scala sull’isola di Myken sulla costa dello Helgeland, appena a nord del Circolo polare artico.

"Tra l’altro ‘ruscello di montagna’ è anche il nome di un classico cocktail norvegese".

Parliamo di sidro

La sommelier sostiene che non dovresti ripartire dalla Norvegia senza aver assaggiato il sidro norvegese, ad esempio della Balholm, un’impresa familiare con sede a Balestrand, sul fiordo più grande e più lungo della Norvegia, il Sognefjord.

“I piccoli produttori come Balholm sono caratterizzati da un approccio più coraggioso e da un interesse genuino per la sperimentazione. Il risultato è un interessante assortimento di sidri. Il clima sul Sognefjord è particolarmente favorevole. La superficie dell’acqua riflette i raggi del sole sulle ripide colline dove fioriscono gli alberi. Il suolo è formato dalle morene dei ghiacciai. C’è un motivo se le mele sono state coltivate in questa zona fin da quando i monaci vi si stabilirono verso il XIII secolo.”

Anche un cultore della birra come Colin Eick vuole far aprire gli occhi alla gente sul sidro. Recentemente ha visitato la parte interna dell’Hardangerfjord, dove il paesino di Ulvik è tra i centri per la raccolta della frutta.

“Ulvik ricorda un villaggio alpino circondato da colline piene di meleti. Sono molte le attività collegate alla produzione di sidro nel villaggio, come il Fruktsleppet festival (festival del raccolto) e la Frukt- og siderruta (Strada del sidro e della frutta) con possibilità di escursioni e degustazioni di sidro”, dice Colin.

Le varietà di sidro hanno sapori che si accompagnano bene alla maggior parte delle pietanze, come il pesce norvegese pescato nel fiordo vicino a Ulvik.

Energia dalle vitamine

Qualcuno vuole del frappè fermentato? La fermentazione è un processo in cui le sostanze organiche vengono lentamente trasformate. Il metodo può essere usato non soltanto per la birra, il sidro e il cibo se si utilizzano colture di partenza come latte cagliato, grani di kefir o siero di latte.

Gry Hammer è l’autore del libro Fermentation e un appassionato sostenitore del ritorno ad una antica tradizione norvegese.

“Il vantaggio è che il processo di fermentazione mantiene il gusto e le vitamine”, spiega.

I grani di kefir sono un agglomerato di batteri e lieviti. Il siero di latte è il fluido che si ottiene filtrando lo yogurt o il kefir.

“Il latte cagliato e il siero di latte hanno una tradizione secolare in Norvegia”, racconta Gry, che ha ricette fermentate per tutto, dal succo di tarassaco a drink a base di siero di latte con ortiche e bacche.

“Un frappè fatto con latte acido coagulato norvegese unito a bacche e frutta di stagione è un modo semplice per utilizzare una base fermentata. Ogni bevanda fermentata è un elisir, una pozione, con tutta l’energia delle vitamine”, sostiene Gry Hammer.

Dovunque in Norvegia potrai soddisfare la tua sete con una vasta scelta di bevande pure tanto quanto la natura incontaminata. La freschezza ti verrà versata nel bicchiere in modo naturale.

Assaggia la Norvegia

Non devi aspettare di arrivare qua per scoprire cosa ti piacerebbe mangiare e bere.

×
Your Recently Viewed Pages
Ad
Ad
Ad